Il pollaio, l’elemento principale per la salute delle tue galline

Se avete deciso di acquistare qualche gallina ovaiola per realizzare un allevamento domestico oppure siete già esperti del settore ma avete deciso di dare una rinnovata alle casette delle vostre galline, il pollaio cucciolotta, esso si classifica come il migliore del suo settore, realizzato interamente in HPL multistrato, ideato per proteggere le galline contro gli attacchi da animali selvatici e dall’acaro rosso, parassita che comunemente si diffonde tra i polli e galline tanto da essere chiamato pidocchio rosso dei polli.

Cucciolotta offre una vasta gamma sul mercato di pollai adatti a tutti i giardini o cortili.

Se siete alle prime armi e non sapete che pollaio scegliere, dove posizionarlo, quale grandezza è consigliata, come pulire il pollaio, come far star bene le vostre galline, cosa dargli da mangiare.

Ecco alcune info utili.

Come scegliere il pollaio e dove posizionarlo

Il primo elemento su cui soffermarsi naturalmente è lo spazio che si ha a disposizione e successivamente quante galline volete possedere o possedete.

Normalmente un pollaio domestico si aggira sulle 10 galline ovaiole, ognuna d’esse necessita uno spazio sui 25 cm. Altri elementi necessari sono l’abbeveratoio ed una mangiatoia è bene posizionarne una anche all’interno del pollaio per evitare che in caso di pioggia il mangime si rovini.

È bene sempre posizionare il pollaio su un terreno poco umido e che nell’arco della giornata sia parzialmente in ombra soprattutto nel periodo estivo, nell’invernale invece è bene che sia ben al sole.

Zona molto importante per le galline oltre al pollaio, è l’aia, la zona esterna dove possono ruzzolare durante il giorno quando escono dal pollaio, dove potranno godersi il sole, la natura e divertirsi a cercare insetti per completare la loro dieta. Per quanto riguarda il mangime è utile integrare ,con il mangime che avete scelto, magari qualche avanzo (sempre in modo molto moderato!), qualche erba selvatica e una fonte di calcio che può derivare anche dai formaggi.

I materiali più utilizzati per i pollai sono il legno, l’acciaio ma ultimamente come già detto i materiali come l’HPL ovvero un laminato plastico realizzato in carta e resina pressati tra di loro al fine di realizzare questo materiale. Esso è classificato come il migliore materiale, resistente ad urti e perfetto isolante tra l’interno e l’esterno del pollaio.

Come pulire l’aia e il pollaio

Molto spesso l’idea del pollaio porta con se l’idea di sporcizia e cattivo odore.

Dovete sapere che le galline non amano lo sporco anzi! Cercano sempre spazi puliti dove deporre, se costrette in spazi sporchi ed angusti le loro difese immunitarie subiranno un calo e saranno soggette a malattie anche mortali.

Come detto prima anche l’aia è molto importante deve essere presente della sabbia e della cenere per creare una “barriera” contro insetti e parassiti.

Anche gli elementi presenti nel pollaio sono da tenere ben puliti, come gli abbeveratoi e le mangiatoie.

La pulizia va fatta almeno una/due volte a settimana a livello generico per eliminare gli escrementi e mantenere l’ambiente pulito e ordinato. Invece, una/due volte all’anno, meglio nel periodo settembre – ottobre e marzo – aprile, effettuare una pulizia più profonda andando a disinfettare il pollaio con gli apposti detergenti. Per chi vuole un approccio del tutto naturale, la calce si classifica come un buon aiutante.

Un controllo non distruttivo a norma di legge

Un determinato controllo non distruttivo dà la possibilità a ciascun soggetto, di valutare l’esistenza di un dato difetto interno in un rispettivo materiale o su una superficie di un pezzo, senza compromettere e creare alterazioni in campo geometrico e su una determinata resistenza.

Ogni risultato basato sul controllo, è dato da un documento in grado di percepire ogni dimensione e coordinata di un rispettivo difetto che viene a sia volta rilevato e si mette in campo al fine di definire quali sono le funzioni che esso si deve impegnare a svolgere. Ovviamente, nel settore del Tag che opera nei controlli non distruttivi, il personale è altamente qualificato nel conseguimento di una specifica operazione.

Per quanto concerne le tipologie di controlli non distruttivi, è possibile affermare che ogni turbine gas in superlega utilizzate per un tipo di applicazione aerospaziale o leghe in titanio e acciaio PH dispongono a loro volta di un impianto di tipo semi automatico con differenti vasche per immersione, e possono essere dotate di spray formatasi da liquidi lavabili in acqua e post con livello di sensibilità.

Come deve essere effettuato un controllo distruttivo in TAG

Per mezzo di metodi di indagine e a seconda di controlli non distruttivi in TAG si possono promuovere ogni tipo di ispezione al fine di garantire un determinato rispetto e dei preformanti criteri di accettabilità.

Per mezzo del TAG può essere utilizzata una specifica tecnologia che anche alla misurazione di una rispettiva conducibilità elettrica in ciascun materiale. D’altra parte sarà anche possibile verificare ed elaborare lo stato di un materiale per meglio applicare un trattamento termico. Ogni controllo effettuato nel labirinto dev’essere appositamente realizzato con dei video endoscopi cui si avrà la possibilità di registrare ogni tipo di immagine e filmato.

La missione di ogni controllo non distruttivo e l’obiettivo principale nonché importante di un rispettivo TAG, è quello di creare sempre delle soluzioni innovative e di soddisfare ogni richiesta e esigenza di un dato cliente. Ogni tipo di immagine di tipo aziendale è quello di garantire affidabilità e serenità, dando un servizio completamente impeccabile, un servizio importante cui vige sempre la qualità e la forza di ottimizzare questo processo con differenti tecnologie, e soprattutto garantire costanza in ogni risultato che si andrà a creare. Ogni valore raggiunto, sarà il vero risultato.

Questo settore opera dando un valore inestimabile a ciascun tipo di controllo non distruttivo e a ogni trattamento che verrà applicato. Le aziende operano per garantire questo tipo di servizio mettendo insieme tutti i principi, nonché facendo fronte a tutte le operazioni che devono essere eseguite a norma di legge, e collaborando con un personale qualificato per risolvere al meglio ogni operazione d apportando ogni soluzione a un dato problema. Ogni difetto sarà rimesso al suo posto in tempi brevi e con i dovuti accorgimenti necessari che devono essere utilizzati.

Grigliare duro: quando la cucina è un gioco di squadra

In un’azienda ci sono molte cose fondamentali che devono essere tenute in conto in modo da raggiungere gli obiettivi aziendali e il successo. Tra queste vi è la presenza di un team affiatato, nel quale i membri riescono a lavorare tra loro e a portare avanti le attività di un progetto. In un certo senso, è necessaria la presenza del gioco di squadra e della collaborazione se si vuole creare un team efficiente e costruttivo. In questo caso entra in scena il team building aziendale, ovvero il coinvolgimento di un team aziendale in attività che siano diverse da quelle lavorative e che richiedano comunicazione, cooperazione e, ovviamente, gioco di squadra. Un servizio di team building a Milano bizzarro ma efficace è quello offerto da Grigliare Duro.

Grigliare duro: team building basato sulla cucina

Grigliare duro offre un servizio di rafforzamento di squadre aziendali il Lombardia e, in generale, in Nord Italia. Il team building aziendale ha lo scopo di migliorare la comunicazione tra i membri, aumentare il livello di confidenza, migliorare la cooperazione e lo spirito di squadra, motivare il gruppo di lavoro, insegnare a lavorare per gli obiettivi ma anche aumentare il livello di creatività. Tuttavia, non sempre si riesce a fare questo e c’è bisogno di utilizzare metodi diversi, originali e coinvolgenti. Questo è quello che fa Grigliare duro: aumentare la qualità di un team attraverso attività culinarie che richiedono il coinvolgimento di tutti i membri del gruppo lavorativo. Ogni membro sarà protagonista di questa esperienza e collaborerà al fine di portare non solo a termine i compiti delle attività, ma anche per migliorare sé stesso e il suo rapporto con i membri del gruppo.

Le attività di Grigliare duro: dalla semplice grigliata al servizio di catering

Come affermato precedentemente, il team aziendale si ritroverà a partecipare ad attività di tipo culinario. Si ritroveranno prima a seguire un breve corso riguardo le tecniche di grigliatura della carne ma anche di altri prodotti, per poi essere catapultati in una vera e propria gara di barbecue nella quale assisteranno prima alla visione della preparazione di una ricetta, la quale dovrà essere replicata nel modo corretto. Infine, il team aziendale verrà coinvolto nelle attività di catering le quali prevedono: scaricamento del furgone, montaggio di tavoli e apparecchiature, allestimento del buffet e del gazebo con cucina, apparecchiare e sparecchiare e anche la preparazione dei piatti di carne grigliata. Sono certamente attività semplici ma che richiedono coordinamento, comunicazione e gioco di squadra per essere portate a termine. A fine giornata, il team aziendale non solo avrà imparato molte cose riguardo le tecniche di barbecue e il lavoro di catering, ma avrà imparato anche a lavorare in modo produttivo, con membri capaci di collaborare tra loro e di raggiungere obiettivi importanti.

Il Team Building Aziendale può essere una mossa efficace per migliorare una squadra lavorativa, ma deve includere attività coinvolgenti e che facciano collaborare tra loro i membri, come quelle di Grigliare Duro che riescono anche a intrattenere e far passare ore di compagnia e di costruttività.